Blitz su due hacker: avevano sferrato attacchi ai siti Expo

Blitz su due hacker: avevano sferrato attacchi ai siti Expo

Giro di boa contro gli Hacker: nelle scorse ore sono stati arrestate varie persone con l’accusa di aver sferrato attacchi contro i sistemi informatici di strutture nazionali, e di siti istituzionali. L’arresto ha coinvolto due persone, mentre la polizia contemporaneamente  ha portato avanti diverse perquisizioni in alcune città quali Torino, Sondrio, Livorno e Pisa.

Oltre all’arresto di due persone, ne sono state denunciate altre due per favoreggiamento. L’accusa è davvero grave: chi ha sferrato questi attacchi, infatti, ha danneggiato sistemi informatici interrompendo deliberatamente le comunicazioni telematiche. Questo eccessivo abuso della telecnologia, unito anche alla detenzione e alla diffusione di codici di accesso ai sistemi informatici, ha fatto scattare il blitz.

Gli investigatori erano sulle loro tracce già da vario tempo, ma come riporta il quotidiano “Il Giornale” l’assalto informatico non avrebbe riguardato informazioni “top secret”, ma solo quelle denominate come “classificate”. L’operazione, però, ha permesso di individuare una cellula ben precisa di criminali che, da tempo, erano protagonisti di attacchi a siti istituzionali e non solo.

Tra le “strutture” colpite ci sarebbero anche i sistemi di Expo 2015 e del ministero della Difesa. Questi nuovi arresti portano alla luce, ancora una volta, l’importanza della sicurezza informatica del nostro paese, e del mondo intero.

Non a caso, proprio alcuni giorni fa, un hacker aveva ammesso di essere riuscito a violare il sistema di una compagnia aerea, riuscendo a prendere il controllo del computer di bordo. Situazioni, queste, che portano costantemente alla ribalta un problema ben noto e che si chiama sicurezza (informatica e personale).

Di sicuro, l’arresto di questi due hacker ha portato ad un giro di boa ben preciso. In questa vicenda sono state denunciate per favoreggiamento personale altri due individui, e durante le perquisizioni sono stati sequestrati computer e vari strumenti utilizzati per compiere gli attacchi informatici.

Il blitz delle scorse ore potrebbe diventare il primo passo verso la totale sicurezza informatica a livello internazionale.

 

 

About Debora Mastroianni

Laureata in Scienze della Comunicazione è articolista presso Webdaynews per il settore dell'attualità e del gossip. Ha una grande passione per la scrittura e per la cucina.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*