Le carte dei tarocchi: quanti e quali sono i mazzi esistenti?

Le carte dei tarocchi: quanti e quali sono i mazzi esistenti?


Chiunque di noi ha sentito nominare almeno una volta nella vita la parola “tarocchi”. Spesso però le informazioni a riguardo sono confuse o contraddittorie per cui sarebbe necessario fare un po’ di chiarezza.

I tarocchi sono delle carte che vengono interrogate dalla cartomante per trovare risposta a domande sul futuro che possono riguardare anche argomenti specifici come l’amore, il lavoro, il denaro, la fortuna o altro ancora.

Il classico mazzo è formato da 78 lame, nome con cui vengono chiamate le carte. Ognuna di esse porta con sé un simbolo ben preciso che può assumere un significato negativo, se pescate capovolte, oppure positivo.

I tarocchi sono un mazzo di carte che ha avuto origine nel nord Italia nel XV secolo, e in seguito si diffusero in tutta Europa.
Le carte si dividono in Arcani maggiori, numerati da 1 a 21 insieme poi alla carta del Matto. Questo gruppo è quello dotato di significati più profondi. Poi abbiamo gli Arcani minori formati da 56 carte divisi a seconda dei classici semi: coppe, denari, bastoni e spade.

Quello che c’è da sapere è che esistono però numerosi mazzi di carte che possono adeguarsi maggiormente a situazioni più specifiche. Ad esempio, non possiamo non citare le famose carte napoletane. Un mazzo regionale formato da 40 lame divise in quattro semi.
Un altro mazzo molto importante è sicuramente quello delle Sibille, usate soprattutto per rispondere a domande legate alle questioni di cuore. Il mazzo è formato da 52 carte.

Tra le tante tipologie, ricordiamo anche i tarocchi egizi che prendono spunto direttamente dall’antica tradizione egiziana. Non dimentichiamo poi, che ogni mazzo può essere interpretato attraverso numerosi metodi.

Insomma, come potete notare esistono tanti tipi di carte che hanno però un obiettivo comune: quello di aiutare le persone a ottenere informazioni e indizi sul futuro.
Fonte: http://www.cartomanziadacellulareabassocosto.it/

About Mariano Ariano

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*