Andamento novembre cambio Euro – Dollaro

Andamento novembre cambio Euro – Dollaro

Rendersi conto del panorama economico internazionale è il primo passo per occuparci efficacemente delle nostre questioni finanziarie. Certo, nel momento in cui vorrai trovare dei punti di riferimento, gli indici e le notizie da considerare sono molte, al punto che nel caso tu fossi a digiuno di tali questioni potresti avere un senso di frustrazione. Andando per piccoli passi, comunque, ti basterà concentrarti su pochi fondamentali indizi capaci di svelare l’andamento generale della nostra economia. Uno dei migliori punti di riferimento è per l’appunto il tasso di cambio euro dollaro, che, con la giusta chiave di lettura, riesce a dare diverse informazioni.

Cambio euro – dollaro perché è importante

Questo dato ti fornirà un’idea della forza della nostra area economica, un’indicazione sull’andamento della locomotiva mondiale rappresentata dal paese a stelle strisce, e indica le dinamiche d’import ed export che tanto influenzano l’economia reale anche del nostro paese. Oltre all’economia reale, il cambio euro dollaro influenza direttamente il mercato del Forex.
Sfruttando questa caratteristica potrai ottenere analisi dettagliate da siti specializzati nel trading, ricavandone preziose informazioni. Ad esempio, nella prima settimana, dal 2 al 6, di questo caldo novembre, potrai sapere che il mercato è stato piuttosto turbolento e orientato alla volatilità, per via di notizie che hanno influenzato la macro economia, capaci di muovere il mercato dei derivati.

La cosa è stata enfatizzata nell’ultima settimana a causa dei terribili fatti di cronaca che hanno interessato l’Europa, una settimana nera per l’euro. L’euro che ha avuto un discreto tonfo nei primi giorni di novembre è stato influenzato dagli ottimi dati macro economici provenienti dall’America, in particolare quelli relativi al non farm pay rolls del 6 Novembre.

A peggiorare la situazione dell’euro in favore del dollaro, scopriamo che la decisione di estendere il Quantitative Easing per combattere l’inflazione della BCE (Banca Centrale Europea) ha completamente fallito il suo obiettivo, visto che l’inflazione è ancora intorno al valore dello 0%.

Un inizio novembre quindi poco promettente per il nostro euro, ma decisamente più favorevole al dollaro americano.

About Mariano Ariano

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*